//

Italia: l’essere umano è sotto attacco

2021

Gli eccipienti non sono per uso umano, ne per terapie o diagnosi, solo per ricerca e non è tutto…

Il 21 Aprile 2020 la Royal society of Chemistry [1] pubblicava una rassegna stampa sulle nanoparticelle lipidiche, il cuore dei nuovi sistemi per la somministrazione di farmaci. Elementi sempre più minuscoli, più “invasivi”, che lavorano sulla farmocinetica, basandosi su proprietà fisico-chimiche: solubilità, cristallinità, tossicità, ecc. Questi “nuovi sistemi” terapeutici, microscopiche particelle dal diametro di 100 nm (nanometri) visibili solo con particolari microscopi detti, CryoTEM, (microscopia elettronica letta in sospensione criogenica), di fatti questi sistemi sono lo scopo del tutto, riuscire ad entrare nel corpo sempre più in profondità.

Da sempre “l’uomo” desidera sostituirsi al creatore conquistando l’uomo, con l’utilizzo di svariati metodi, nano particelle, elementi di trasporto per entrare nelle cellule, sostanze di vario genere: Liposomi, Nanoparticelle polimeriche, Super-magnetiche, silicio, unità carbonio (grafene), oro, pur conoscendo i fallimenti precedenti e i danni causati nel passato.

Le vaccinazioni sperimentali, con autorizzazione provvisoria, in questi due anni di pandemia perpetua, hanno avuto lo scopo di sperimentare questi processi di trasporto, vettori di vario genere, terapie dette avanzate, regolamentate nel 2007 (CE) N. 1394/2007, Direttiva 2001/83/CE n. 726/2004, iniettare, cambiare, sostituire pezzetti di DNA. [3]

Teraspie Avanzate

·     Prodotti per terapie Genetiche: utilizzare come farmaci il DNA o l’RNA

·     Prodotti per terapia Cellulare: per terapie con preparazioni di cellule vive.

·     Prodotti d’ingegneria tessutale: rigenerare, riparare, sostituire un tessuto.

·   Prodotti di terapie avanzate: dispositivi medici per integrare un farmaco.

Ma le persone sono state adeguatamente informate?

Hanno compreso quello che si stavano inoculando, accettando le responsabilità sui possibili danni?

Le descrizioni riportate di tali componenti è “Sintetici” e chiaramente per sintetici si può indicare tutto. Ma, gli inoculati e gli inoculatori, sapevano che gli eccipienti citati nella vaccinazione, non sono adatti a uso umano come precisano le schede dei rispettivi produttori degli eccepenti?

Il popolo, che ha firmato, ha accettato ogni cosa, per diverse motivazioni: paura, oppressione, disagio, ecc, quello che tutti sappiamo, senza conoscere l’effettiva natura dei composti.

Una domanda viene spontanea per tutti: siamo realmente disposti ad accettate continuamente nell’immediato prossimo futuro questi nuovi sistemi fatti di nanomedicine, nanoterapie, nanoparticelle con svariate sostanze chimiche sintetiche e tecnologiche?

A farne le spese di tali invasioni, sono tutti coloro che hanno la mutazione genetica MTHFR (C677T – A1298C) o loro combinazioni. Questa mutazione investe una grande massa d’italiani superiori al 62% (dati anno 1999/2000), cosi come le altre razze più colpite, dal Covid-19 con i nativi Americani, gli Ispanici. Su tali popoli si sono abbattuti non pochi problemi trombotici e problemi anafilattoidi a causa principalmente degli eccipienti dei vaccini.  [2]

MTHFR-AJE-vol.151-No9-2000

Pubblicazione Link

https://www.researchgate.net/publication/12524932_5_10

Introduzione

La pandemia è stata l’occasione per sperimentare l’utilizzo massiccio di questi nano    vettori, trasportatori di farmaci, virus o sistemi LNP. Gli LNP sono delle nano-particelle lipidiche contenute nei vaccini Moderna e Pfizer, attraverso l’utilizzo dell’eccipiente PEG, per incapsulare le nanoparticelle lipidiche dette appunto (LNP). A sostenere tale processo, sulle nanomedicine, partecipano ad altri eccipienti qui citati, per proteggere l’mRNA messaggero, dalla degradazione della nucleasi, per raggiungere il bersaglio.

Queste microscopiche goccioline simili a olio, circa 0,1μm di diametro, circondano e proteggono il fragile mRNA durante la produzione, il trasporto e l’eventuale iniezione nel corpo, entrano per endocitosi nella cellula e si attaccano elettrostaticamente ed escono per esocitosi. I complessi mRma-Lnp somministrati per via sistemica colpiscono il fegato legandosi all’apolipoptoteina E e sono assorbiti da appositi recettori presenti nel fegato.

Il PEG non è mai stato trovato in nessun altro vaccino al mondo, questa è la prima volta, in campo farmaceutico (Vaccinale). Allo stesso modo, ad aggravare le reazioni avverse, troviamo anche i restanti eccipienti, ALC-0159, ALC-0315, Lipide SM-102, PEG2000 DMG, ecc. Stando alle schede dei produttori di tali eccipienti, questi dichiarano dalle rispettive schede tecniche:

Eccipienti

Sono proprio queste nano-particelle inserite nei “composti”, che creano le reazioni avverse e promuovono quanto trovato nelle autopsie? I vettori trasportatori, si rompono per strada, prima del bersaglio, oppure creano infiammazione, che ad esempio, nei soggetti affetti da mutazioni genetiche come l’MTHFR,[2] promuovono trombosi, ADE, per carenze metaboliche e amminoacidiche, per mancanza di conversione delle sostanze vitaminiche, tali da bloccare, in carenza di una delle tre fondamentali, la produzione di anticorpi.

In presenza di un cattivo funzionamento enzimatico, della metionina e dei folati (MTHFR), difficilmente convertibili, non si è pronti alla risposta o ad una sollecitazione immunitaria, creando un blocco violento in tutto il corpo, innescando una moltitudine di processi negativi, mettendo in serio pericolo gli individui ignari molto probabilmente di avere ereditato la mutazione MTHFR dai propri genitori.

Un’indagine preliminare mirata è d’obbligo, visto il processo di sperimentazione, se pur emergenziale, nell’interesse della vita dell’essere umano, cosa che è stata fortemente ostacolata da ogni parte, per perorare un diverso interesse, quello di cogliere tale opportunità per rendere l’Italia la capofila per vaccinazioni avanzate geniche. [5] La cosa ancora più grave sta nel fatto che gli eccipienti citati, non sono per uso umano, né per diagnosi, né per terapia ma solo per la ricerca, cosi come viene dichiarato pubblicamente dai produttori degli eccipienti.

ItaliaCapofila
Scheda-Vaccini

Pfizer

 (ALC-0315)  ((4-idrossibutil)azanediil)bis(esano-6,1-diil)bis(2-esildecanoato) 

(ALC-0159) 2-[(polietilenglicole)-2000]-N, N-ditetradecilacetammide 

 

Fonte: https://www.echelon-inc.com/product/alc-0315/

Fonte: https://www.echelon-inc.com/product/alc-0159/

Moderna

SM-102 (eptadecano-9-il 8-{(2-idrossietil)[6-osso-6-(undecilossi)esil]ammino}ottanoato)

1,2-dimiristoil-rac-glicero-3-metossipolietilenglicole-2000 (PEG2000 DMG)

 

Fonte: https://www.matreya.com/Products/1-2-wbrDistearoyl-wbrsn-wbrglycero-wbr3-wbrphosphorylcholine__1427.aspx

Fonte: https://www.echelon-inc.com/product/dspc-180-pc/

Discussione

Le nanoparticelle lipidiche vengono utilizzate, come componente principale dei vaccini mRNA per il COVID-19, si tratta di sostanze lipidiche che tentano di mantenere l’mRNA protetto e lo aiutano ad arrivare alla consegna del target.

·
https://www.osservatorioterapieavanzate.it/terapie-avanzate/immunoteraphttps://www.osservatorioterapieavanzate.it/terapie-avanzate/immunoterapia/car-t-sfruttare-le-nanoparticelle-per-produrre-una-versione-meno-tossica

L’argomento attuale riguarda il trasporto di acidi nucleici (DNA e RNA) nelle cellule, attraverso la terapia genica, sui vettori virali, ci sono ostacoli e limitazioni per il trasporto, visti gli effetti collaterali, con compresa  l’immunogenetica, producendo diversi danni e rischi, con una possibile risposta immunitaria letale. L’elemento critico sta nel trasferimento, non solo dei virus, ma anche dei campi elettrici, nanomateriali e luce.

Diversi ricercatori si sono posti varie domande sulle reazioni avverse, queste  da dove partono?

 

Qual’è la causa. Gli elementi presi in esame sono gli eccipienti dei vaccini

·
https://www.allergologico.it/news/perche-si-verificano-reazioni-anafilattiche-al-vaccino-mrna-anti-covid.html

·
https://www.science.org/content/article/suspicions-grow-nanoparticles-pfizer-s-covid-19-vaccine-trigger-rare-allergic-reactions

Tirando le somme, diversi ricercatori, immunologi si sono scontrati con tale problema, che coinvolge in modo diretto le vaccinazioni, la Spike e gli eccipienti,
arrivando a tali conclusioni:

Ø Potenziali colpevoli di reazioni di ipersensibilità immediate al vaccino mRNA Covid-19 non solo PEG, di fatti nelle conclusioni della ricerca leggiamo:

“In conclusione, il colpevole coinvolto nei casi di reazioni immediate al vaccino mRNA sembra essere concentrato principalmente nel LNP che costituisce
l’involucro. Ulteriori ricerche su questo argomento sono cruciali, poiché una
migliore conoscenza del meccanismo alla base della reazione avversa potrebbe
consentire una migliore stratificazione del rischio e selezione dei pazienti,
aumentando così la sicurezza per le persone sottoposte a vaccinazione”

Doi 10.23822/EurAnnACI.1764-1489.214

Fonte: http://www.eurannallergyimm.com/cont/journals-articles/1043/volume-potential-culprits-immediate-hypersensitivity-reactions.asp

Ø L’esitazione alla vaccinazione e il “mito” sui vaccini a base di mRNA in Italia nell’era COVID-19: l’urgenza soddisfa i principali criteri di sicurezza? di fatti nelle conclusioni della ricerca leggiamo: “Intorno a formulazioni di vaccini nuove e semplici, la sfiducia domina lo scenario, quindi è obbligatoria un’informazione corretta e onesta. La scienza medica non è mai completamente perfetta per rispondere a qualsiasi domanda sconcertante su come l’essere umano possa affrontare terribili patologie e pandemie, che si verificano in modo uniforme. Ancora, qualsiasi discussione civile sui vaccini dovrebbe essere molto rispettosa degli enormi sforzi compiuti dalla scienza e dalla tecnologia attuali per sostenere la soluzione ottimale a tali preoccupazioni. Atteggiamenti positivi e fiducia nella scienza sono il modo migliore per considerare la vaccinazione una pratica sicura. In questo contesto, la comunità scientifica deve esporre ogni commento critico, nella maniera più proattiva, per ampliare un dibattito con l’unico scopo di ottenere trasparenza dalle Big Pharma e dalla politica, così da garantire i cittadini e l’opinione pubblica. Se ci fidiamo completamente di queste chiavi di volta fondamentali, allora chiunque può contribuire direttamente a rendere il nostro mondo molto più piacevole e accessibile.”

DOI: 10.1002/jmv.26922

Fonte: https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/33666240/

Ø Reazioni allergiche e anafilassi ai vaccini COVID-19 basati su LNP

 “In linea con questi sviluppi, dobbiamo anche promuovere ulteriori ricerche
sull’anafilassi per comprendere meglio l’immunopatogenesi e la fisiopatologia
di questa condizione pericolosa per la vita, in particolare nell’ambito dei
moderni vaccini genetici e degli sviluppi della nanomedicina.”

DOI: 10.1016/j.ymthe.2021.01.030

Fonte: https://www.cell.com/molecular-therapy-family/molecular-therapy/fulltext/S1525-0016(21)00064-2?_returnURL=https%3A%2F%2Flinkinghub.elsevier.com%2Fretrieve%2Fpii%2FS1525001621000642%3Fshowall%3Dtrue

Alla fine della ricerca documentata, ne ritorniamo sempre con la medesima domanda, perché non hanno mai parlato o dichiarato gli eccipienti “Non per uso umano“ e fatto firmare un consenso informato?

Perché hanno sempre poco considerato la mutazione genetica MTHFR, “sparita” dall’elenco delle malattie rare RDG020?

E per quale motivo hanno ostacolato in tutti i modi l’esenzione e le ricerche Genetiche approfondite sull’MTHFR?

Ricordiamo che le stesse procure Italiane, dopo le morti sospette successive ai vaccini di Astra Zeneca, notizia del TG1Online, richiedendo esami specifici genetici C677T – A1298C, nessuno ne ha parlato più e nemmeno dell’esito degli esami.

Conclusione

Gli studi e le ricerche moderne, innovative, dovrebbero indirizzare gli sforzi non alla “coercizione” per velocizzare i tempi delle vaccinazioni per uno scopo diverso per la salute collettiva, ovvero quella economica, ma dovrebbero allargare il ventaglio dei confronti e delle comparazioni, per ottenere il miglior risultato, con il minore rischio possibile, vicino allo zero.

L’accanimento vaccinale e i processi sperimentali, che si desiderano a tutti i costi ottenere, quello che non sarà mai possibile avere, visto i danni da sempre arrecati all’essere umano. Tali azioni desiderano propinare ed imporre, un’unica soluzione per la salute, queste terapie avanzate, sostituendole con le precedenti, attraverso le nano-medicine, invadendo l’essere umano con sperimentazioni, passivamente accettate, per mezzo di leve politiche ed economiche, non per la salute dei popoli.

La cosa che deve essere chiara per tutti è che nessuno è padrone del corpo di altri, e che vanno utilizzate tutte le strade possibili, cure personalizzate a secondo della costituzione innata, della propria combinazione genetica, lontani da inganni, coercizioni e imposizioni, poiché cosi come vi sono varie razze, varie lingue vi sono anche varie cure e soluzioni, ogni individuo è un mondo a se.

L’utilizzo di una buona scoperta è sempre un’arma a doppio taglio dipende dalla persona che la utilizza e alla funzione che ne vorrà fare. L’evoluzione è importante, ma modificare l’essere umano, andando nel profondo con particelle sempre più piccole, è pura pazzia, questo significa volersi sostituire al creatore, l’etica e la scienza sono compromesse, cosi come le libertà individuali, sancite dalla Costituzione Italiana, lasciando il posto al potere economico “diabolico”.

·
https://www.osservatorioterapieavanzate.it/bioetica-e-dintorni/covid-19-il-valore-degli-studi-di-infezione-umana-controllata


Dichiarazione di conflitto d'interessi

Gli autori dichiarano di non avere conflitti d’interesse noti o relazioni personali che avrebbero potuto influenzare il lavoro riportato in questo documento.

Ricercatore indipendente: Laureato in Scienze dell’Alimentazione e Nutrizione Umana, Naturopata, Giornalista Scientifico specializzato in:  Dietetica Clinica stato nutrizionale in individui e gruppi di popolazioni, epidemiologia  generale nutrizionale, Tossicità Eco-Ambientale, Erboristeria, Fitoterapia, Psicologia Sociale, Attività Motoria, Scienze del Turismo, Scienze della Comunicazione, Grafica, P.A. Giornalista Direttore di Ricerca Iscrizione Ordine dei Giornalisti Campania Tessera N. 078803 dal 1994 Iscrizione ASMI Asso.ne Stampa Medica Italiana Tessera N. 000074 dal 2003 Autorizzazione

Tribunale di Salerno n. 722/1988AGCOM Reg. ROC. N. 21516/11 Presidente e Legale Rappresentante del C.R.N. Associazione Centro Ricerche Numerologiche C.F. 91022520653 Nat.  Giur. 12 Reg. 4175/98 Via Francesco Romano 4 Eboli 84025 (Sa) Cell: +39 3511291741Cell: +39 3341748062 e-mail: luigibarone59@libero.it

 Riferimenti

[1] Una breve rassegna sulle nanoparticelle lipidiche solide: parte integrante dei moderni sistemi di somministrazione di farmaci

Yongtao Duan, Abhishek Dhar, Chetan Patel, Mehul Khimani, Swarnali Neogi, Prolay Sharma, Nadavala Siva Kumar e Rohit L. Vekariya RSC Adv. , 2020, 10 , 26777-26791 DOI: 10.1039/D0RA03491F, Revisione

[2] 5,10-Methylenetetrahydrofolate Reductase Gene varianti e congeneri Anomalie:

Una revisione HuGE https://www.researchgate.net/publication/12524932

[3] 2007 (CE) N. 1394/2007, Direttiva 2001/83/CE n.

726/2004 https://ec.europa.eu/health/sites/default/files/files/eudralex/vol-/reg_2007_1394/reg_2007_1394_it.pdf

[4] Molecola Therapy – Reazioni allergiche e anafilassi  ai vaccini Covid-19 basati su LNP https://www.cell.com/molecular-therapy-family/molecular-therapy/fulltext/S1525-0016(21)00064-2?_returnURL=https%3A%2F%2Flinkinghub.elsevier.com%2Fretrieve%2Fpii%2FS1525001621000642%3Fshowall%3Dtrue

[5] Terapie Innovative: https://www.pphc.it/terapie-innovative-cure-straordinarie-ma-per-renderle-accessibili-ci-vuole-partnership-tra-pubblico-e-privato/

 

Sitografia

 

– Cabanillas B, Akdis C, Novak N. Reazioni allergiche al primo vaccino COVID-19: un ruolo potenziale del glicole polietilenico? Allergia 2021;76(6):1617-8.

– Wenande E, Garvey LH. Ipersensibilità di tipo immediato ai glicoli polietilenici: una revisione. Allergia Clin Exp
2016;46(7):907-22

– Yang Q, Lai SK. Immunità anti-PEG: emergenza, caratteristiche e questioni irrisolte. Wiley Interdiscip Rev Nanomed Nanobiotechnol 2015;7(5):655-77.

– Alsaleh NB, Brown JM. Nanomateriali ingegnerizzati e reazioni di ipersensibilità allergica di tipo I. Front Immunol 2020;11:222.

– Johnson M, Alsaleh N, Mendoza RP, et al. Il confronto genomico e trascrittomico della degranulazione dei mastociti indotta da allergeni e nanoparticelle d’argento rivela nuovi meccanismi non mediati da immunoglobuline E. PLoS One 2018;13(3):e0193499.

– Cabanillas B, Akdis C, Novak N. Anafilassi del vaccino COVID-19: IgE, complemento o cos’altro? Una risposta a: Anafilassi da vaccino COVID-19 a 2: PEG o no? Allergia 2021;76;(6):1938-40.

– Centro nazionale per le informazioni sulle biotecnologie. Riepilogo dei composti PubChem per CID 94190,
1,2-Distearoyl-sn-glicero-3- fosfocolina. Disponibile su: https://pubchem.ncbi.nlm.nih. gov/ compound/94190. Data ultimo accesso: 29/01/2021.

– Spoerl D, Nigolian H, Czarnetzki C, Harr T. Riclassificazione dell’anafilassi in agenti bloccanti neuromuscolari in base al presunto meccanismo patogeno: reazione avversa farmacologica mediata da IgE o “ipersensibilità innata”? Int J Mol Sci 2017;18(6):1223.

– Dong S, Acouetey DS, Guéant-Rodriguez RM, et al. Prevalenza delle IgE contro gli agenti bloccanti neuromuscolari in parrucchieri e fornai. Allergia Clin Exp 2013;43(11): 1256-62.

– A Reichmuth AM, Oberli MA, Jaklenec A, Langer R, Blankschtein D. Consegna del vaccino mRNA utilizzando nanoparticelle lipidiche. Ther Deliv 2016;7(5):319-34.

– Pardi N, Hogan MJ, Porter FW, Weissman D. vaccini mRNA: una nuova era nella vaccinologia. Nat Rev Drug Discov 2018;17(4):261-79 12. Agier J, Pastwinska J, Brzezinska-Błaszczyk E. Una panoramica dei recettori di
riconoscimento del modello dei mastociti. Inflamm Res 2018;67(9):737-46.

Pubblicazioni
Scientifiche  Luigi Dr. Barone

 Orcid :0000-0002-2798-2054

https://doi.org/10.5281/zenodo.4663455

https://doi.org/10.5281/zenodo.4667767

https://doi.org/10.5281/zenodo.4678429

https://doi.org/10.5281/zenodo.4667988

https://doi.org/10.5281/zenodo.4735648

https://doi.org/10.5281/zenodo.5457891

https://www.researchgate.net/publication/353336449

https://www.researchgate.net/publication/353234802

https://www.researchgate.net/publication/353332582

https://www.researchgate.net/publication/354375098

Copy Right Luigi Barone
MTHFR-Grafene

MTHFR ….rilevamento clinico della mutazione del gene della metilenetetraidrofolato reduttasi (MTHFR) causata da deplezione acuta di metionina, quando usato da solo.

Realizzato il 26 Marzo 2020  https://www.pagineonline.org/archives/1142 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

ArabicChinese (Simplified)DutchEnglishFrenchGermanItalianPolishPortugueseRussianSpanish
error: Content is protected !!