Il Consiglio d’Europa vota no all’obbligatorietà dei vaccini Covid e dei passaporti sanitari

Europa-Bandiere
L’assemblea del Consiglio d’Europa approva a larghissima maggioranza, la non obbligatorietà del vaccino Covid ed il no ai patentini/passaporti vaccinali la risoluzione è stata approvata con 115 a favore, 2 contro, 13 astensioni.

Entrando nel merito con precisone alla risoluzione si precisa:

  • 3.1 garantire che i cittadini siano informati che la vaccinazione NON è obbligatoria e che nessuno è politicamente, socialmente o altrimenti sottoposto a pressioni per farsi vaccinare, se non lo desiderano farlo da soli;
  • 3.2 garantire che nessuno sia discriminato per non essere stato vaccinato, a causa di possibili rischi per la salute o per non voler essere vaccinato;

continuando la lettura del documento pubblicato emerge:

  • 3.4 distribuire informazioni trasparenti sulla sicurezza e sui possibili effetti collaterali dei vaccini, collaborando e regolamentando le piattaforme di social media per prevenire la diffusione di disinformazione;
  • 3.5 comunicare in modo trasparente i contenuti dei contratti con i produttori di vaccini e renderli pubblicamente disponibili per il controllo parlamentare e pubblico;

La risoluzione 2631 del 27 Gennaio 2021 ribadisce che le misure adottate non devono violare il diritto e la libertà  di ogni singolo individuo alla propria autonomia fisica e al suo consenso informato, cosi come recita la Convenzione di Oviedo, la quale garantisce i diritti e la dignità senza ricevere discriminazioni, se non è vaccinato, a seguito di possibili rischi per la salute o per non voler essere vaccinato.

Per quando riguarda invece l’argomento sui patentini o passaporti vaccinali l’emendamento recita:

  • “Utilizzare certificati di vaccinazione solo per lo scopo designato di monitorare l’efficacia del vaccino, i potenziali effetti collaterali e gli eventi avversi;”

Qui è chiaro che i documenti di vaccinazione non dovrebbero essere usati come “passaporto vaccinale” (ai confini, per i viaggi aerei o per l’accesso ai servizi). Tale atto sarebbe un utilizzazione non scientifica, a maggior ragione in assenza di dati sull’effettiva efficacia dei vaccini nel tentativo di riduzione la diffusione del virus, in base alla durata dell’immunità prodotta, visti agli eventi di “fallimenti” nel creare immunità a causa alle nuove varianti, alla carica virale, ed al ritardo delle secondi dosi. Tali azioni ed usi porrebbero anche creare problemi di privacy, che uniti alla limita disponibilità di scorte, potrebbe creare un effetto bumerang, aumentando l’esclusione e la discriminazione.

A rafforzare i principi democratici e di equità, il presidente della Corte europea per i diritti dell’uomo Robert Spano  durante la conferenza stampa annuale della Corte a Strasburgo, ha dichiarato, facendo osservare che la democrazia, l’indipendenza della magistratura e lo Stato di diritto sono sempre più frequentemente elementi messi in discussione sia a livello europeo che mondiale e che l’attuale pandemia ha già sollevato una serie di importanti questioni in materia di tutela dei diritti umani.

Questo è quanto emerge dall’assemblea parlamentare Europea votata a larghissima maggioranza.

Luigi Barone

Link del documento della Commissione Europea:

https://pace.coe.int/pdf/2e0ee40b5d6c4e2e5df5467478961f7561e651733326667a8259ffe25682ae848428feba12/resolution%202361.pdf

 

 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

ArabicChinese (Simplified)DutchEnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish
error: Content is protected !!