L’incredibile storia dell’italoamericano Amadeo Peter Giannini il padre della Bank of America

Era un lunedì del 17 ottobre 1904, quando a San Francisco, aprirono i battenti della Bank of Italy, fu definita la “Little Bank”. Nessuno avrebbe mai immaginato che quella sarebbe diventata in soli quarant’anni, la più grande banca del mondo, dal nome di Bank of America N.T. & S.A.

Il suo fondatore si chiamava Amadeo Peter Giannini, un Italiano che realizzò i sogni altrui, dal più piccolo al più grande. Giannini fu l’artefice della ricostruzione di San Francisco a seguito del terremoto del 18 aprile del 1906.

Egli finanziava soprattutto la gente comune, i “Little Fellows”. Agli inizi del Novecento in America gli istituti di credito non accordavano prestiti inferiori a 200 $ mentre presso la Bank of Italy questi partivano da 25$ e le uniche garanzie richieste erano i calli delle mani ed il volto del cliente.

Grazie a quest’uomo e alla sua banca presero vita anche i “Grandi Sogni Americani” quali: “Il Monello” di Charlie Chaplin, “Biancaneve e i sette nani” di Walt Disney, “Accadde una notte” e “ La vita è meravigliosa” di Frank Capra. Inoltre la lungimiranza di A.P. Giannini fu quella di finanziare con sei milioni di dollari una grande opera pubblica, il Golden Gate Bridge, progettata da J.B. Strauss, imponendo al Consiglio di Amministrazione della banca di non percepire alcun interesse. Questo divenne il simbolo che avrebbe portato San Francisco ad allontanare le nuvole grigie della crisi del 1929. Giannini infondeva nelle persone quella “Speranza” figlia della forza che combatte le paure dell’individuo di fronte ad una vita di sacrifici. Questa è la descrizione esternata dal Dott. Luca Palma Presidente dell’A.P. Giannini Association, che in occasione del 115° Anniversario (17/10/1904) dalla fondazione della Bank of Italy sta lavorando alla progettazione del Convegno dal titolo “Etica, Banche ed Imprese” . Lo stesso sottolinea che oltre al Convegno si sta lavorando all’ allestimento di una Mostra di documenti ed oggetti storici riguardanti la Bank of Italy, la Bank of America e la Banca d’America e d’Italia che sarà visitabile in modo totalmente gratuito presso il Centro Congressi Internazionale della C.C.I.A.A. di Salerno di Via Roma, 29. Tutto questo sarà possibile grazie al sostegno della C.C.I.A.A. di Salerno, l’Associazione Impegno e Passione, Accademia dei Dottori Commercialisti di Salerno nel prossimo mese di novembre. Inoltre diverse banche del territorio hanno manifestato interesse a partecipare all’evento per l’alto contenuto etico in esso espresso. Tra i relatori sarà presente anche il Regista/Scrittore Luca Guardabascio noto tra comunità Italo-americana negli Usa.
A riprova dell’interesse dell’evento alla vigilia di tale anniversario all’Associazione presieduta dal Dott. Palma è stato concesso, il patrocinio dalla Presidenza del Consiglio Regionale della Campania. In aggiunta per questa occasione la A.P. Giannini Association ha voluto ricordare il grande banchiere con l’emissione limitata di una busta affrancata con il francobollo originale emesso dalle poste americane nel 1973, dove viene riportata la prima sede della Bank of italy e la foto di Amadeo Peter Giannini.

Il Presidente Palma, ha voluto ringraziare pubblicamente il Dott. Giuseppe Gallo Vice-Presidente della Camera di Commercio di Salerno che per primo ha creduto in questo progetto ed il Consigliere Regionale Avv. Vincenzo Maraio per l’impegno profuso presso l’ente regionale.

 ©LaRedazione