La misteriosa cinquina in sequenza al gioco del Lotto – PagineOnline

La misteriosa cinquina in sequenza al gioco del Lotto

Eboli – Non poco tempo fa, in un precedente articolo, sono stati evidenziati dei fattori numerici strani usciti al gioco più antico, Il Lotto. Ma, un nuovo evento ha suscitato l’interesse del gruppo di ricerca dell’associazione C.R.N , una nuova serie di numeri, non per l’ambo o il terno o la quaterna, ma sempre per l’intera cinquina. Si, tutti è cinque i numeri usciti in ordine sequenziale secondo la Teoria dei Codici. Alla vista di tutti non è facile vedere tale sequenza, ma coloro che riescono a vedere oltre, si, questo è possibile. E’ la matematica che ci permette di avere e fare ogni cosa. Tutto è dettato da essa, schemi nascosti, nell’apparente caos. La scoperta   sequenziale è accaduta in data 28 Novembre 2017 alla ruota di Palermo. I numeri usciti furono 48 34 62 41 55, numeri normali alla vista di tutti, dei quali ne è possibile verificare l’esattezza leggendo i bollettini ufficiali.  Ora vi dimostriamo come la teoria dei codici esamina  le sequenze e analizza gli eventi per determinare la non casualità, ma allo stesso modo quando si incontrano serie numeriche strane, ne evidenza il sospetto della non naturalezza estrattiva. Prendiamo i cinque numeri usciti alla ruota di Palermo in data 28 novembre 2017 e mettiamoli in ordine crescendo, ovvero, dal più piccolo al più grande in questo modo: 34. 41. 48. 55. 62, adesso prendiamo il primo numero 34 è sommiamo ad esso il numero 7, chiamato codice di accesso, da sommare in sequenza  in questo modo: 34+7=41+7=48+7=55+7=62, osservando i numeri usciti con la sequenza calcolata noteremo che i cinque numeri corrispondono perfettamente al calcolo, alla cinquina uscita. I numeri visti in questo modo alla vista di tutti sono diversi, ma alla matematica, non lo sono. Essi sono in sequenza di una distanza detta codice, pari al numero 7 ricorrente, dando la cinquina. Di fatti nessuno di voi avrebbe mai pensato o visto questa cosa, solo quando vi è stata fatta notare. Ma grazie alla teoria ci è possibile valutare gli eventi numerici al gioco del lotto, per conoscere gli eventi ed il loro cammino evidenziandone anomalie, fornendoci i campanelli d’allarme quando gli estratti subiscono improbabili uscite in base alla matematica.  Il punto cruciale è che la stessa teoria dimostra anche che il caso non esiste, ma anche che la cinquina potrebbe essere voluta o meccanicamente elaborata. Dalle analisi degli archivi posseduti dal gruppo di ricerche dal 1682 al 2017 ne è emerso che tale evento è il primo caso nella storia del gioco del lotto. Ci domandiamo come mai queste anomalie avvengono dopo il 2005 dall’avvento delle macchine estrattive. Considerato che da pochi anni il lotto si è attrezzato di macchine automatiche computerizzate per estrarre i numeri e che queste varie stranezze, man mano segnalate, emergono sempre di più.  Ci viene facile pensare il  perché di tali stranezze, che guarda caso avvengono da quando il gioco del lotto si è automatizzato. Sta di fatto che ci troviamo davanti ad un pensiero comune, che negli ultimi decenni sta interessando vari matematici, sul piano che il caso non esiste. A sostegno di tale tesi, necessita dire che certe stranezze la matematica le vede e con la teoria dei codici le individua con precisione, tracciandone il percorso. Le varie possibilità di numeri sequenziali al gioco del lotto che si possono presentare con una certa quantità e costante è un evento che la Teoria dei Codici lo conosce bene, ma il caso presentatosi alla ruota di Palermo il 28 Novembre 2017 inizia ad essere un strano evento al quanto sospetto. In tutti i modi come sostiene il matematico Marcus du Sautory tutto è codificato, basta saperlo riconoscere. A sostegno della ricerca nel 2018 nascerà la prima scuola on line sulla Teoria dei Codici, apparsa già nel libro di testo del 2018 Il Predittore.

Luigi Barone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.